Foodfind, la startup rivoluzionaria del settore food

Cibo e innovazione

ciboeinnovazione1FoodFind è la start up dedicata al food & beverage concepita da Roberto Grilli, trentunenne fieramente marchigiano radicato ad Ancona: lo scopo di questa azienda è quello di portare una vera rivoluzione nel sistema di vendite nel settore alimentare.

L’innovazione di partenza di FoodFind è di concepire un motore di ricerca dei prodotti di consumo e stravolgere il processo di vendita di alimenti e bevande.

I potenziali clienti hanno a disposizione uno strumento che permette loro di trovare dati e informazioni su quello che stanno cercando.

Leggi anche:POsti, la startup che certifica tutto ciò che mangiate

Il creatore di FoodFind spiega come funziona la start up

foodfind13Roberto Grilli spiega:

«Gli utenti potranno utilizzare un innovativo motore di ricerca presente in home page che permetterà loro di trovare tutto ciò di cui hanno bisogno con facilità. Ogni azienda presente nel portale avrà un profilo ad hoc, consultabile gratuitamente, che funzionerà come vetrina virtuale. Non si tratta però di un e-commerce. Grazie a FoodFind le aziende verranno contattate direttamente dai loro clienti senza nessuna intermediazione e potranno decidere direttamente loro il prezzo finale».

Il progetto di FoodFind, che mira senza dubbio in alto, è nato nel 2017 nella soffitta dello stesso fondatore:

«Vogliamo diventare i Google del settore alimentare italiano. Per farlo, abbiamo creato una piattaforma dedicata a tutti i protagonisti della filiera: dai produttori di materie prime a chi offre servizi.  Il nostro servizio è rivolto agli operatori del Food&Beverage che operano in tutto lo Stivale. Lavorando però da oltre 10 anni come imprenditore e collaborando con importanti aziende del territorio so bene, quante eccellenti realtà ci siano nelle Marche e sono felice che molte di loro abbiano deciso di entrare nella famiglia FoodFind».

foodfind8Il Ceo continua spiega come questo network abbia raggiunto fin dai primi mesi risultati inaspettati come veder aderire aziende come Orogel, Gruppo Amadori e Komplet:

«Siamo partiti da poco ma in tanti hanno manifestato enorme interesse per il nostro progetto e questo non può che farmi enormemente piacere. Penso che mai come in questo momento storico è fondamentale accorciare i tempi di attesa. Nell’epoca del tutto e subito ho voluto creare qualcosa che potesse ottimizzare il business di chi opera nel settore del food, dandogli la possibilità di avere informazioni nel modo più rapido possibile».

Leggi anche: Ieat, un portachiavi vi salverà dallo shock anafilattico

E dopo FoodFind, arriva FoodHelp

FoodFind è stato quindi il primo passo; infatti, Grilli sta proseguendo con il lancio di un’area interamente rivolta a tutti coloro che aspirano a entrare in questo settore, guidandoli step by step della sezione FoodHelp, un servizio gratuito messo a disposizione per dare un aiuto pratico dedicato alle persone con nuove idee e che adesso avranno un mezzo in più per perseguire e realizzare il loro progetto.

felice-catozzi

 

di Felice Catozzi

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi

Contattaci