Festa della donna: tre esempi che dovremmo prendere in considerazione

Donne forti

miss italia5Mentre da qualche parte nel mondo, alla fioca luce di una lampada al neon si stila la classifica della “più bona del 2019”, o la più sexy di tutto il continente (decidete voi quale) oppure mentre sta nascendo una nuova miss Italia che desidera fortemente la pace nel mondo, voglio fare invece l'elenco di tre donne forti che magari poi sono anche belle ma, soprattutto, hanno cervello!

Ipazia

ipaziaNonostante abbia il nome più assurdo della storia, Ipazia ( 350/370) è stata una donna lontanissima dai canoni della sua epoca ( e anche dalla nostra).

Infatti, è stata  stata una matematica, astronoma e filosofa greca antica, mentre io faccio fatica a fare le divisioni in colonna.

Assolutamente all’avanguardia rifiutava il ruolo assegnatole dalla storia del tempo e scriveva cose del tipo «Se mi faccio comprare, non sono più libera, e non potrò più studiare: è così che funziona una mente libera» (Ipazia, in Ipazia Vita e sogni di una scienziata del IV secolo).

Leggi anche: I'll never be silent, mai più abusi sulle donne

Prendi e porta a casa! Era pure niente male fisicamente, e infatti faceva strage di cuori fra gli allievi, almeno fra quelli che non si facevano sbaciucchiare dal precettore di turno (all’epoca era così).

Comunque lei non sposò nessun uomo (ve l’ho detto che era intelligentissima!: D) e all'età di 31 anni assunse la direzione della Scuola neoplatonica di Alessandria.

Era straordinariamente saggia, tutti la rispettavano e provavano verso di lei un timore reverenziale (vai così Ipazia). Cosa è successo? Successe che Cirillo, vescovo cristiano, invidioso della sua fama la uccise facendola letteralmente a pezzi. Ah, gli uomini!

Elisabetta I d'Inghilterra

elisabetta I d'InghilterraElisabetta venne incoronata regina il 15 gennaio 1559. Il suo regno sarà uno dei più longevi, infatti è durato quanto il film Via col vento, quarant’anni.

Infine verrà descritta come un’età dell’oro, un'epoca che portò all’Inghilterra uno sviluppo economico e culturale incredibile.

Io non riesco a gestire neanche il mio armadio! Ora arriviamo alla parte più interessante. Elisabetta era totalmente contraria al matrimonio e quando le veniva propinato l’ennesimo pretendente (straniero o inglese) lei faceva in modo che la sua indipendenza non venisse mai messa in discussione.

loading...

La particolarità di Elisabetta, e la motivazione per cui ha avuto un così lungo regno stava nel... tenere all’amo! Aveva un modo particolare di trattare con re, ambasciatori, consiglieri e capi super galattici.

Li disorientava, a volte, a dispetto di ogni etichetta, si divertiva a fare domande che mettevano tutti in difficoltà facendo leva sull’aspetto fisico degli interessati, sulla prestanza, la capacità di ballare o cavalcare.

Trattava con tutti gli onori emissari e uomini di potere, facendo spesso pensare, sì, insomma che ci potesse anche essere qualcosa; dunque, flirtando, manteneva con tutti ottimi rapporti diplomatici, e poi lasciava la maggioranza a bocca asciutta definendosi per sempre “la regina vergine”. Tutti delusi.

Stop a mele avvelenate e colf sfruttate: oggi vince l'antiprincipessa

Erin Brockovich

erin brockovichC’è un bel film con Julia Roberts che parla di questa donna coraggiosa. La inserisco perché dopo aver parlato di donne che hanno fatto parte di un’altra epoca, quest'ultima è un’icona contemporanea.

Madre single audace un po' sboccata, lavorava come segretaria in un ufficio legale in California.

Comincia a interessarsi alle acque di Hinkley, perché gli abitanti del luogo morivano precocemente di tumore. Esaminando scartoffie e casi di risarcimento di cui si occupa lo studio dove lavora, scopre che la falda acquifera della cittadina è stata contaminata dal cromo esavalente, una robaccia di cui non so nulla ma sicuramente dannosa, che appunto, causava tutti quei tumori nella zona.

Femminismo significa uguaglianza, non odio per gli uomini

Incavolatissima intraprende una dura battaglia contro la potentissima Pacific Gas & Electric Company, responsabile di aver contaminato l'acqua. E spinge 233 abitanti ad un’azione legale. Risultato? La PG&E, versa 333 milioni di dollari per chiudere il caso (l'accordo più alto mai raggiunto prima negli Stati Uniti per una causa ambientale).

Concludo dicendo che l’8 marzo è la festa delle donne e liberandomi dai soliti cliché che vogliono le donne a cena fuori a sparlare (il più delle volte a ragione) dei propri mariti, figli, amanti e quant’altro, voglio rimandare un’immagine nuova.  Quella in cui si ricorda l'8 marzo come un archetipo, in cui si fa riferimento a tutte le straordinarie donne che ci hanno precedute spingendoci a fare meglio!

sara salini

 

di Sara Salini

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi

Contattaci