Elogio del gioco da tavolo

Qualche sera fa ero a casa di amici e a un tratto c’è stata una proposta molto "eighties": intrattenersi con giochi di società.
Gli indimenticabili compagni dei pomeriggi di pubertà e pre-adolescenza. Quanti rapporti incrinati per una vittoria a Risiko e quante gaffes durante una partita di Taboo. Che ne sanno bambini e ragazzini di oggi, ammaliati dall’ultima grafica 3D, con i pollici più veloci di una macchina da corsa, ma il cui massimo gesto di socialità è passarsi un joystick? Che ne sanno di soldi spesi per comprare il Royal durante una partita ad Hotel? O di quante volte abbiamo mandato all'altro mondo il paziente dell’Allegro chirurgo?
 
 
Sembro una vecchia nostalgica, me ne rendo conto. Ma aprire la scatola, sistemare con cura le pedine, dividere per mazzetti i soldi del Monopoli aveva qualcosa di molto simile al rituale. Impegnarsi a capire il funzionamento del gioco e dissertare sulle diverse applicazioni della regola aiutava la dialettica e stimolava l’ars oratoria. Ma soprattutto ci insegnava una cosa fondamentale: imparare dai propri errori e saper perdere con stile. 
 
I videogiochi saranno anche spettacolari e ormai molto più simili ad opere d’arte che a strumenti a scopo ludico. Ok, stimolano le reti neuronali, la capacità di calcolo, il pensiero tecnologico. Ma creatività e fantasia che fine fanno? Anche i grandi esperti continuano a sostenere la validità dei giochi di società tradizionali. Non solo infatti aiutano concentrazione, memoria visiva e verbale, ma sono il primo incontro con una delle capacità più richieste dai superdirettori: il problem solving. 
 
 
Il gioco è un’attività troppo spesso dimenticata. E se già i bambini sembrano abbandonare molto presto questa dimensione, figuriamoci gli adulti. Perciò credo proprio che alla prossima riunione tirerò fuori da sotto il letto i tesori dimenticati e rispolvererò le vecchie scatole. D’altronde anche Platone scriveva che si può scoprire di più su una persona in un’ora di gioco che in un anno di conversazione. 
 
 
 
 
 
 
Ti è piaciuto quest'articolo? Leggi anche:
 
<< Iscriviti al canale YouTube >>
 

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi