Ecco Splittypay, la startup per dividere le spese in tempo reale

Organizzare il viaggio estivo con gli amici senza perdere l’offerta del momento.

Chi non si è mai ritrovato di fronte a una promozione imperdibile ma in quel momento preferiva non pagare l’intera cifra?

Che fare dunque? Ci si arma di rubrica telefonica e si comincia a chiamare l'intera masnada per giungere alla conclusione che, ancora una volta, sarai tu a dover anticipare per tutti. Con l’incognita se quei soldi torneranno mai nelle tue tasche.

Sapevate che le questioni economiche sono la principale causa di rottura di un’amicizia?

Curioso in effetti che una startup come Splittypay, nata esattamente per problemi di questo tipo, sia stata fondata da due amici, Alberto Porzio e Matteo Destantini (che, evidentemente, hanno deciso di prendere il toro per le corna e affrontare il problema da un punto di vista creativo).

Come sempre, la scintilla è scaturita dalla necessità di trovare un servizio simile. Quando i due hanno visto che non c’era ancora nessuna app che potesse risolvere il problema, hanno deciso di diventare loro la soluzione.

Leggi anche: Moneyfarm, investire online non è mai stato così facile

Dall’aeroporto all’aereo

splittypay-foundersI due non sono certo nuovi nel mondo delle startup. Infatti, qualche anno fa, hanno ideato ZZZleepandgo, cabine ipertecnologiche collocate in aeroporto per aiutare i viaggiatori che vogliono schiacciare un pisolino tra un volo e l’altro. Le cabine erano già dotate di pagamento automatico.

In qualche modo dunque sono passati dall'occuparsi del comfort pre partenza alla fase ancora precedente.

Come funziona SplittyPay

splittypay10Splittypay consente di inserire sui portali, soprattutto a quelli nel campo dei viaggi e food delivery, più carte di credito per il pagamenti.

Le card possono appartenere sia alla stessa persona che a persone diverse. Il totale può dunque direttamente essere diviso in quote, senza più scuse di non poter consegnare i soldi brevi manu al “ facoltoso” di turno.

loading...

Inoltre il primo a pagare la sua quota può avvisare gli altri, inviando una notifica. Così tutti saranno a conoscenza del fatto che la cifra totale si deve pagare entro una determinata data, pena la scadenza dell’offerta.

Leggi anche: Togheter Price, Netflix o Spotify le paghi in condivisione

Spirito d’iniziativa

splittypay-formica-argentinaI due imprenditori hanno investito creduto subito nella loro idea, tanto da investire 60mila euro di tasca propria, per poi attirare l’attenzione di alcuni angel che hanno finanziato la stratup con 150mila euro. Da qualche giorno si è poi conclusa la campagna di equity crowdfunding su 200Crowd con altri 150mila euro.

Ma ciò su cui si sono principalmente concentrati i fondatori è stato trovare il team giusto. Tra loro infatti anche Valerio Buniato, esperto in fraud and payment, con un passato in Last Minute e Booking.

« Siamo una realtà giovane nel mondo del payment e non è facile trovare uno spazio. Per fortuna, siamo già entrati in contatto con alcune grandi realtà e speriamo di chiudere accordi più presto possibile».

B-Heroes, la startup sbarca in televisione

Anche Splitty sbarca a Las Vegas

Come anche la startup fintech è stata selezionata tra i primi 40 progetti del programma di accelerazione per startup B-heroes, così da promuoversi a livello internazionale.

La strategia di Splitty è stata insomma focalizzarsi su qualcosa di già esistente ma certamente migliorabile.

E la vostra strategia? Quale potrebbe essere?

irene-caltabiano

 

di Irene Caltabiano

 

 

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi

Contattaci