Eat Alí, la web serie in salsa italo-bangla

Può un semplice gioco di parole trasformarsi in una fortuna?
Tutti conosciamo Eataly, catena alimentare che vende eccellenze gastronomiche italiane. Il suo “omonimo”  però rischia di diventare altrettanto famoso. Eat Alí è il negozio di alimentari  di Asad Ullah, immigrato a Torino ventitrè anni fa. Prima di aprire l’attività, ha fatto di tutto, dall’operaio in fabbrica all’ambulante.   Qualche tempo fa cominciò a circolare sui social una foto dello scontrino con su scritto il buffo nome.  L’anonimo benefattore non sapeva che l’immagine sarebbe diventata tanto virale tanto da arrivare agli occhi divertiti di Oscar Farinetti, fondatore di Eataly,. Il CEO, anziché indispettirsi, ha dedicato ad Asad  un’inserzione pubblicitaria, lodando la sua ironia e il suo "copiare con stile".
 
Il negozio era già diventato un piccolo fenomeno della capitale piemontese. «Quando ho aperto il mio locale ho subito deciso di non farla diventare un’attività che vendesse prodotti etnici per stranieri, venduti da stranieri»  racconta Asad.  «Volevo vendere prodotti italiani. Questo anche perché se mi fossi rivolto solo ai miei connazionali o ad altri migranti avrei potuto attingere a un misero 10% della clientela. Il 90% di chi viene a comprare da mangiare qui e, più in generale, che va nei negozi è composto da italiani, e io volevo vendere prodotti che potessero interessargli». Un alimentari bengalese sui generis quello di Corso Belgio 42, che ci viene incontro con sapori nostrani.  Gli scaffali più alti ospitano persino un’ampia selezione di vini che vanno dalla Bonarda al Barbera, passando per il Dolcetto.
 
Le cose però si sono evolute ancora. Dopo l’advertising gratuito di Oscar Farinetti, l’originale idea è diventata una serie web, prodotta da G-COM Bologna e distribuita da Yahoo. Sei episodi da tre minuti ciascuno, sottotitolati in cinque lingue (romeno, albanese, Ucraino, bengalese e inglese, che rappresentano le comunità più attive su Yahoo) mettono in  risalto pregiudizi, paure  e presunzione degli italiani che interagiscono con un commerciante straniero
 
Dalla food blogger al fissato con l’e-commerce, dallo start-upper alla coppia che litiga anche quando fa la spesa, Eat Alí, fa sorridere ma anche riflettere su un tema di grande attualità come l’immigrazione. Tutti gli episodi sono disponibili sul sito di Yahoo o su Vimeo. 
 
 
Leggi anche:
 
Iscriviti al canale YouTube >>>
 
 
 
loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi