E se volessi visitare la sede di Google?

Big G colpisce ancora.

Sede_GoogleGoogle per il terzo anno consecutivo si conferma la migliore azienda del mondo in cui lavorare
La ricerca è stata realizzata intervistando oltre 6.600 società in tutto il mondo, dalla fine del 2014 alla metà del 2015. Nella lista dei big numerose le aziende di information technology. Tra le prime venticinque anche NetApp, Emc, Microsoft, Autodesk, Cisco, Cadence. 
 
Il successo del gigante di Silicon Valley ha incuriosito  molti comuni mortali. Il web è  invaso di utenti  ansiosi di capire cosa ci sia di tanto speciale e che chiedono delucidazioni su come visitare il castello di cristallo californiano. 
 

Ahimè, esistono solo due modi per entrare nella sede dell’azienda 

Google

Essere assunti o avere un amico che ci lavora!

Cari nerd e curiosoni, mi dispiace per voi, a meno che  non conosciate un googler (così vengono chiamati i dipendenti) potrete ammirare la “gabbia dorata”  solo da lontano. I tour organizzati non prevedono visite interne; tuttavia noleggiando un’automobile si può percorrere la Sand Hill Road, una delle arterie principali della valle. Da questa strada si attraversa  Palo Alto, sede di Xerox Parc ( luogo dove nacque il mouse) e Facebook.  Qui si trova anche l’Università di Stanford, dove studiarono Brin e page, creatori di Google. In giro per Internet trovi testimonianze di chi c’è stato, che svela piccoli segreti.  Ammirare più da vicino il Googleplex è possibile: esiste infatti un piccolo parco pubblico da dove la vista è sicuramente migliore. Per ammirare la sede Apple bisogna invece arrivare a Cupertino, all’indirizzo Infinite Loope Street. Compagnie come Airshipventures consentono di fare un giro in dirigibile sull’intera valle.
 

Per chi non si accontenta facilmente

Google

Curiosando su Internet si scovano racconti di chi è riuscito a attraversare le barriere grazie a qualche caritatevole conoscenza.
  
Leggenda narra che il campus di Google possa essere assimilato a un piccolo villaggio. 
Ciascun dipendente ha a disposizione mini bar, uno spillatore di birra  insieme a servizi di lavanderia, cambio dell’olio e parrucchiere. Per non parlare di caffè e snack gratis no stop, sparsi nelle caffetterie di tutto il campus, e ristoranti che hanno menu di qualsiasi tipo di cucina, dalla vegana alla thailandese. 
Addirittura esistono i Google alveari, con miele di produzione locale.
 
Per chi invece volesse schiacciare un pisolino ci sono sdraio e amache su prenotazione. Se, nonostante i comfort, qualcuno si dovesse sentire stressato l’azienda dispone di  aree  relax e massaggi. 
 
Voglia di sgranchirsi le gambe? 
I googlers  fanno attività fisica in campi da tennis, piscine e  palestre. Se non si ha voglia di fare brain storming nel chiuso di un ufficio c’è possibilità di fare una sorta di risciò meeting, in cui si discute mentre tutti pedalano. Inoltre in giro per il campus si trovano  le Google bikes, che ciascun dipendente può utilizzare per raggiungere qualsiasi punto dell'azienda, lasciandole successivamente negli spazi appositi. Chi ama la danza potrà invece  fare lezioni di ballo di qualsiasi tipo, dalla salsa all’hip hop. 
 
 
La vera chicca dell’azienda però sono i bagni. 
Non solo sono provvisti di tavoletta riscaldata ma, ebbene sì, vi fanno pure il bidet. 
Io nel dubbio, un’occhiata alle posizioni vacanti la darei…
 
Irene
Blogger googlatissima
 

 
 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »