E se le cooperative supportassero la gig economy?

Come superare i problemi della gig economy? 

gig-economyLe buone vecchie e care cooperative potrebbero essere la soluzione per nuovi problemi della gig economy: quando si parla di app e di lavoro 4.0, è necessario utilizzare paroloni e citare algoritmi e funzioni a vario titolo e livello. In questo articolo però voglio spiegarti in modo semplice e chiaro in che modo le cooperative siano diventate la potenziale soluzione ai problemi della gig economy. 

Con l’avvento di smartphone e app, la nostra vita è diventata a portata di click: in questo, il lavoro su commissione e i presupposti alla base della gig economy hanno un potenziale di sviluppo pazzesco. Ma, per ottenere passi  avanti concreti, ci sono problemi da superare.

La gig economy tra problemi e possibili risposte

consegna-a-domicilio

Partiamo da un semplicissimo esempio: gli addetti alle consegne a domicilio, a seconda dell’azienda con cui collaborano(Deliveroo, Glovo o Foodora, non fa grande differenza) hanno un’app di proprietà aziendale che consente loro di ricevere le ordinazioni smistate dal sistema in base alla posizione del fattorino; il più vicino e disponibile alla consegna ottiene il lavoro. Il recapito avviene quindi nel minor tempo possibile e siamo tutti contenti.

Ma se invece di questi grandi colossi internazionali ci fossero le cooperative ad avere possibilità di usufruire di sistemi altrettanto utili per la gestione e la semplificazione del lavoro da svolgere, quale sarebbe il risultato?

loading...

La gig economy applicata alle coop

molenbikeÈ in Belgio che alcuni esperimenti di Platform cooperative, ovvero l'ibridazione tra vecchie aggregazioni cooperative con le più nuove piattaforme informatiche, sta ottenendo grandi risultati.

A Bruxelles esiste una coop di fattorini, la Molenbike: utilizzando un’app creata da un’altra cooperativa che ha sede in Francia e ha ottimizzato un software gratuito per integrare il servizio di consegne di prodotti, la coop belga riesce a consegnare generi alimentari e non, come il settimanale Bruzz

Questo non è l’unico progetto nel settore. Dunque c'è da chiedersi.. a che punto siamo in Italia su questo tema?

Com’è la situazione in Italia?

cooperativa smartNel nostro Paese troviamo presente e attiva la cooperativa Smart, che unisce 1.500 soci e ha un fatturato in positivo per il 2017 con 2 milioni di Euro. Niente male, no? Inoltre, la cooperativa sembra funzionare molto bene non solo in termini di rendimento economico.

La gestione è davvero semplice, grazie al sistema di sostentamento da parte di tutti i soci che versano l’8.5 % dei loro singoli incassi alla struttura,  permettendo di garantire compensi mensili ad ogni lavoratore anche in caso uno o più fornitori si trovino in una situazione di difficoltà o di ritardi sulle fatture. Una certezza economica che fa davvero gola, non ti pare?

Insomma, i primi risultati ottenuti fanno ben sperare. La strada intrapresa sembra quella giusta, ma la volontà di innovare resta uno dei nodi cardine dell’Italia. Intanto ti do un consiglio: se devi ordinare la cena a domicilio, prova uno dei servizi offerti dalle cooperative nostrane e sperimenta tu stesso le potenzialità. 

Cerca con il nome della tua città un’app legata ad una coop e se hai bisogno di ulteriori suggerimenti, lascia un commento. Sarò lieto di aiutarti a scoprire il fascino e la praticità di questo sistema semplice e innovativo.

di Felice Catozzi

 

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

 

 

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi