Come si combatte l’ansia? Esiste un metodo scientifico

Trasformare l’ansia per qualcosa in entusiasmo funziona!

A chiunque capita di affrontare una situazione che ci rende ansiosi e ci agita. In questi casi si scatena l’ansia da prestazione che può costituire un vero problema nel caso in cui non si riesce a controllarla. 

Ma come si può combattere?

Semplice trasformando l’angoscia in entusiasmo.

Ad esempio ripetendo a se stessi frasi del tipo 

Sono così entusiasta di dare gli esami di maturità quest'anno...Non vedo l'ora di illustare la relazione alla riunione...Ho un listone di cose da fare, non vedo l'ora....

Si tratta di una tecnica per tenere a bada quel tipo di ansia nota come rivalutazione cognitiva (anxiety reappraisal), descritta in un articolo pubblicato su The Atlantic.

Questa tecnica (ci spiega la rivista “Focus”) consiste nel placare insonnia e patemi che anticipano una situazione stressante autoconvincendosi di essere eccitati, entusiasti, impazienti di iniziare, anziché angosciati, per quell'evento.

Il consiglio che ci viene sempre dato e cioè quella di stare calmi e rilassati, infatti, potrebbe essere sbagliato!

In corrispondenza di situazioni stressanti il nostro corpo si trova, come nel caso dell’eccitazione, in una situazione di arousal, ossia di attivazione dell'organismo in risposta a uno stimolo. Il cuore batte più forte, il livello di cortisolo (l'ormone dello stress) sale, il corpo si prepara ad agire. Con la differenza che l’eccitazione è uno stato positivo.

In buona sostanza per il nostro organismo è più facile convincere il cervello a passare da una situazione di eccitazione negativa (l'ansia) a una di eccitazione positiva, piuttosto che ad uno stato di calma che è, invece priva dell’arousal.

Tuttavia, per poter passare all’eccitazione sarebbe necessario “crederci veramente” utilizzando un approccio estremamente positivo.

Simona

approfondisci con

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi