Come gestire i profili social delle persone defunte

La morte, il grande tabù della cultura occidentale.

luca-borgoniNell’era del web 2.0, affrontare il lutto di una persona cara significa dover gestire anche le molteplici identità digitali che quest'ultima si è costruita in vita. 

Dal momento che già risulta difficile elaborare la morte nel mondo reale, avere a disposizione un non-luogo in cui resuscitare il defunto, anche solo metaforicamente, può dar vita a vere e proprie degenerazioni.

Avete presente il recente caso della signora torinese Cristiana Giordana, madre di Luca Borgoni, 22enne morto l’8 Luglio scorso scivolando sul Cervino?

La donna continuava a pubblicare nuovi elementi e scrivere post sul profilo del figlio anche il suo decesso«Un modo per farlo vivere ancora e tenermi in contatto con i suoi amici. Un innocente rifugio al mio dolore» aveva spiegato.

Nonostante le parole commoventi, dura lex sed lex. Non è possibile aggiornare il profilo di una persona defunta, a meno di esplicita autorizzazione da parte di quest’ultima mentre è ancora in vita.

Suggerimenti sbagliati

facebook-tombePurtroppo non c’è ancora chiarezza su come far fronte a questo tipo di situazioni. Nonostante l'enorme quantità di informazioni di cui dispongono Facebook o Google, quando una persona muore, non è affatto automatico che l’algoritmo di una specifica piattaforma ne sia a conoscenza.

Può dunque capitare che le foto del defunto o eventi relativi alla persona (quali i suggerimenti di compleanno) continuino a comparire nella bacheca di amici e familiari, provocando momenti di dolore o veri e propri shock emotivi.

Stabilire una policy a riguardo sta diventando sempre più urgente. Non solo perché ormai praticamente chiunque ha un profilo virtuale, ma anche l’eta media di chi si iscrive ai social si è largamente alzata. La fascia di persone di età superiore ai 55 anni che ha un account Facebook costituisce un buon 15%; va da sé dunque che si sia incrementato anche il tasso di mortalità.

 

Come gestire il decesso?

facebook-decessoEsistono già alcune soluzioni, anche se non del tutto efficaci. Facebook dà la possibilità di segnalare la morte di una persona compilando un apposito form, in cui si chiede di linkare il necrologio o qualsiasi altro documento che confermi la morte effettiva. Purtoppo però, l’opzione “allega documento di decesso” risulta al momento facoltativa, elemento che ha già generato scherzi di dubbio gusto.

Peraltro, con gli attentati degli ultimi anni e le sollecitazioni di parenti e amici, Facebook ha rivalutato l’importanza di trovare uno spazio in cui pagina e contenuti relativi al defunto possano essere archiviati; si può dunque richiedere di trasformare la pagina personale della persona deceduta in una sorta di memoriale online a cui hanno accesso solo amici e parenti che possono scrivere messaggi o postare foto in ricordo della persona cara.

Un altro elemento che si sta prendendo in considerazione è utilizzare un software capace di rintracciare le frasi che contengano parole chiave come “Riposi in pace” o “Mi manchi” e altre affermazioni che possono risultare relative al lutto onde evitare di mostrare foto o suggerire eventi legati alla persona defunta.

Eredità digitali

eredità-digitaleInfine sono stati elaborati modi per gestire l’eredità digitale ( se non sai di cosa stiamo parlando, leggi qui), anche se la policy non risulta omogenea da piattaforma a piattaforma. Nello specifico, su Facebook è lecito nominare un contatto erede che, in caso di decesso, potrà scrivere post in primo piano, rispondere a eventuali richieste di amicizia, cambiare l’immagine del profilo o di copertina o chiedere la disattivazione dell’account.

L’incaricato potrà anche ricevere, se vorrà, una copia di quanto pubblicato su Facebook  dalla persona deceduta fino a quel determinato momento.

Come fare? Èsufficiente loggarsi, andare su Impostazioni -->Gestisci account. Lì, tramite apposito form, si potrà indicare la persona designata all’amministrazione del profilo.

Una procedura simile avviene anche su Google, dove esiste l’opzione account inattivo, ovvero  si può impostare entro quanto tempo di attività l’azienda di Mountain view può confermare il decesso (un intervallo che va dai tre ai 18 mesi).

Un mese prima della scadenza, Google prova a telefonare al proprietario dell’account, se non arriva alcuna risposta ci sono due strade: l’utente può scegliere di far cancellare tutti i dati o di far inviare la corrispondenza Gmail, i propri contatti i propri video YouTube ad alcune persone fidate ( fino a un massimo di dieci, precedentemente indicate). Twitter, invece, disattiva l’account in automatico dopo sei mesi di inattività.

Piccoli accorgimenti su cui tutti dovremmo fare una riflessione. E, magari, cercare di agire "per tempo".

irene-caltabiano

 

di Irene Caltabiano

 

 

 

 
 

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi