Circo Roncalli, il primo circo con ologrammi al posto degli animali

Un circo tutto nuovo

dumbo1È proprio nell’intimità della vostra casa, da piccoli, che avete tentato di ricacciare indietro le lacrime per non mostrarvi vulnerabili davanti al cartone animato “Dumbo”.

E se da lì, come me, avete cominciato ad odiare il circo, sarete felice di apprendere quanto segue.

 Esistono due bravi uomini, Bernhard Paul e André Heller, che sono gli ideatori e fondatori di un nuovo tipo di circo. Dimenticate il circo come lo avete sempre visto, con animali ammaestrati e fuori habitat, che se potessero si riunirebbero in associazioni clandestine per evadere.

Leggi anche: Cosa significa la presidenza Trump per il futuro ambientale del Pianeta?

Un esperimento riuscito

circo1L’innovazione del circo, nato in Germania, sta nell’usare ologrammi al posto degli animali (per intenderci, avete presente quando D2D2 mostra l'ologramma della principessa Leila ad Obi Wan Kenobi? Ecco, quello è un ologramma).

Sarà un interessante esperimento anche per gli spettatori; le immagini coprono infatti i 32 metri quadrati del palcoscenico offrendo così uno spettacolo a 360°, per una visuale ottimale da ogni angolo.

Il Circus Roncalli nasce nel 1976, già dagli anni Novanta, il circo aveva deciso di eliminare i numeri di alcuni animali selvatici, infatti erano rimasti soltanto alcuni equini. Nel 2018, la scelta della sostituzione con gli ologrammi.

 Si tratta di undici proiettori che rendono lo spettacolo indimenticabile. È la fine dei maltrattamenti sugli animali, costretti a vivere rinchiusi, e costretti a esercizi che ne limitano la libertà e la dignità.

Sul web è possibile vedere le immagini degli ologrammi di animali che saltano nel cerchio infuocato o si esibiscono in prove di abilità. Insomma, una vera e propria innovazione che ci catapulta nel futuro immaginato da Robert Zemeckis in Ritorno al futuro 2, quando Marty si spaventa alla vista di un gigantesco ologramma di uno squalo!

Un'idea contagiosa

cavalli17Uno degli obiettivi futuri che il Circus Roncalli si è proposto è quello dell’abolizione definitiva della plastica, per la gioia di Greta Thunberg. Il circo in questione sarà una struttura senza un grammo di sostanze plastiche.

 Quella degli ologrammi è un’idea che sta riscuotendo successo in tutto il mondo. Si tratta di undici proiettori che rendono lo spettacolo indimenticabile. È la fine dei maltrattamenti sugli animali, costretti a vivere rinchiusi, e costretti a esercizi che ne limitano la libertà e la dignità.

Leggi anche: Gli zoo? Facciamoli diventare parchi ecologici

Quando c’è un’idea che funziona tende ad essere contagiosa, e infatti anche in Francia è nato l’Ecocirque. Il fondatore è André-Joseph Bouglione, con la moglie Sandrine.

E qualcosa di simile accade anche all’Ocean Odyssey del principe arabo Khaled bin Alwaleed, lui ha fatto aprire un acquario in cui gli abitanti i pesci vengono riprodotti da video, suoni e immagini rigorosamente in 3D.

Vi ricordo che non siamo sul set di Madagascar, e gli animali soffrono a stare in condizioni climatiche che non sono le loro, rinchiusi ed ammaestrati.

Animali prigionieri, incatenati. Obbligati con la violenza a mettere in scena numeri per il compiacimento di persone che non prova alcuna pietà. Il circo uccide la dignità e la libertà, nessun essere vivente è felice di passare la vita in gabbia.

D'altronde, come diceva Immanuel Kant, puoi conoscere il cuore di un uomo già dal modo in cui egli tratta gli animali.

sara salini2

 

 

di Sara Salini

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi

Contattaci