Cerchi lavoro a Londra? Non fare passare inosservato il tuo curriculum

Ce l’hai fatta. Hai vinto paure e dubbi e colto l’occasione di trasferirti a Londra. Magari anche grazie al supporto (più psicologico che altro) offerto da amici e parenti che vivono già lì. Hai trovato casa, e richiesto il codice fiscale inglese. Insomma, hai cominciato a preparare la tua nuova vita. Ora si apre una nuova fase, quella della ricerca di lavoro, che per concludersi in modo positivo richiederà una consiste dose di tenacia, forza d’animo, e preparazione.
Forma e contenuto devono fare gioco di squadra
Quando vuoi proporti per un’occupazione, avere un background professionale coerente ed una congrua esperienza pregressa è importante, ma non decisivo. È necessario ma non sufficiente. 
A giocare un ruolo cruciale è il modo in cui ti racconti, la confezione che costruisci per illustrare chi sei, cosa sai fare, e come. Dunque, devi prestare massima attenzione nella stesura del curriculum e della cover letter, la comunicazione formale di presentazione che alleghi. Questa deve rispondere a una serie di domande:
- Chi sei e perché stai scrivendo?
- Perché dovrebbero dedicare tempo e attenzione al tuo curriculum?
- Cosa ti distingue dagli altri potenziali candidati?
- Perché gli esaminatori dovrebbero scegliere te?
L’indicazione di massima, per la stesura della cover letter, è farti supportare da amici e conoscenti, se ritieni di non essere abbastanza ferrato in inglese. Da evitare assolutamente il ricorso a soluzioni apparentemente sbrigative e “indolori” come Google Translate: il tempo che ti farà risparmiare lo pagherai caro durante la fase più prettamente operativa della ricerca del lavoro. 
Come aprire la cover letter?
Tanto per cominciare, è necessario indicare nome e cognome, i contatti necessari per essere contattati, e la data. Quindi bisogna rivolgersi a chi leggerà il curriculum, individuando una formula adatta sia nel caso in cui il destinatario sia noto (“Dear Mr/Mrs + cognome”), sia nel caso in cui non lo sia (“To whom it may concern”, “Dear Hiring Manager”).
Primo Paragrafo 
Apri in modo formale ma positivo, ricordandoti di indicare il motivo per cui stai scrivendo, l’offerta di lavoro per cui ti candidi e come ne sei venuto a conoscenza.
Secondo Paragrafo
Qui devi specificare i motivi che ti hanno spinto a candidarti per quello specifico profilo in quella particolare azienda. È bene che chi esaminerà la tua candidatura percepisca che non ti sei “buttato alla cieca”, che la tua risposta all’annuncio non è frutto di casualità, ma che scaturisce da una ponderata e accurata analisi dell’azienda. 
Terzo Paragrafo
Fatti conoscere. Spiega cosa sai fare, che tipo di esperienze hai maturato nel corso degli anni. Illustra i tuoi punti di forza, evidenziando quelli che possono essere maggiormente attinenti all’offerta di lavoro a cui stai rispondendo. Precisa in che modo ritieni di poter essere utile al raggiungimento degli obiettivi aziendali. 
Quarto paragrafo
Chiudi la cover letter in modo cordiale e positivo, esplicitando la tua volontà di effettuare un colloquio. L’intento è quello di mettere l’esaminatore in condizione di rileggere il tuo curriculum. 
Ce l’hai fatta. Hai vinto paure e dubbi e colto l’occasione di trasferirti a Londra

Magari anche grazie al supporto (più psicologico che altro) offerto da amici e parenti che vivono già lì. Hai trovato casa, e richiesto il codice fiscale inglese. Insomma, hai cominciato a preparare la tua nuova vita. Ora si apre una nuova fase, quella della ricerca di lavoro, che per concludersi in modo positivo richiederà una consiste dose di tenacia, forza d’animo, e preparazione.

 
Forma e contenuto devono fare gioco di squadra

Quando vuoi proporti per un’occupazione, avere un background professionale coerente ed una congrua esperienza pregressa è importante, ma non decisivo. È necessario ma non sufficiente.

A giocare un ruolo cruciale è il modo in cui ti racconti, la confezione che costruisci per illustrare chi sei, cosa sai fare, e come. Dunque, devi prestare massima attenzione nella stesura del curriculum e della cover letter, la comunicazione formale di presentazione che alleghi. Questa deve rispondere a una serie di domande:

-      Chi sei e perché stai scrivendo?

-      Perché dovrebbero dedicare tempo e attenzione al tuo curriculum?

-      Cosa ti distingue dagli altri potenziali candidati?

-      Perché gli esaminatori dovrebbero scegliere te?

L’indicazione di massima, per la stesura della cover letter, è farti supportare da amici e conoscenti, se ritieni di non essere abbastanza ferrato in inglese. Da evitare assolutamente il ricorso a soluzioni apparentemente sbrigative e “indolori” come Google Translate: il tempo che ti farà risparmiare lo pagherai caro durante la fase più prettamente operativa della ricerca del lavoro.

Come aprire la cover letter?

Tanto per cominciare, è necessario indicare nome e cognome, i contatti necessari per essere contattati, e la data. Quindi bisogna rivolgersi a chi leggerà il curriculum, individuando una formula adatta sia nel caso in cui il destinatario sia noto (“Dear Mr/Mrs + cognome”), sia nel caso in cui non lo sia (“To whom it may concern”, “Dear Hiring Manager”).

Primo Paragrafo

Apri in modo formale ma positivo, ricordandoti di indicare il motivo per cui stai scrivendo, l’offerta di lavoro per cui ti candidi e come ne sei venuto a conoscenza.

Secondo Paragrafo

Qui devi specificare i motivi che ti hanno spinto a candidarti per quello specifico profilo in quella particolare azienda. È bene che chi esaminerà la tua candidatura percepisca che non ti sei “buttato alla cieca”, che la tua risposta all’annuncio non è frutto di casualità, ma che scaturisce da una ponderata e accurata analisi dell’azienda.

Terzo Paragrafo
 

Fatti conoscere. Spiega cosa sai fare, che tipo di esperienze hai maturato nel corso degli anni. Illustra i tuoi punti di forza, evidenziando quelli che possono essere maggiormente attinenti all’offerta di lavoro a cui stai rispondendo. Precisa in che modo ritieni di poter essere utile al raggiungimento degli obiettivi aziendali.

Quarto paragrafo

Chiudi la cover letter in modo cordiale e positivo, esplicitando la tua volontà di effettuare un colloquio. L’intento è quello di mettere l’esaminatore in condizione di rileggere il tuo curriculum. 

 

Hai bisogno di aiuto per scrivere un curriculum in inglese? Guarda la nostra videoguida

 

 
 
 
loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi