Come trovare il business angel adatto alla tua startup?

L’idea rappresenta per l’impresa ciò che, sul piano della procreazione, simboleggia l’ovulo

Business_AngelsAd accomunarli un potenziale creativo versatile e ramificato, i cui confini sono pressoché impossibili da definire a priori. “L’innesco” pratico è quindi essenziale, per definire in quale direzione incanalare e dirigere tale cumulo di energie.

Un ruolo, questo, che, nel caso delle startup viene spesso assolto dai business angels, investitori informali che mettono in campo i propri capitali, la propria rete di contatti e le proprie competenze specialistiche. (Per approfondire le potenzialità della raccolta fondi dal basso, invece, puoi cliccare qui).

I business angels si indirizzano verso imprese innovative operanti in settori che conoscono approfonditamente. Il tesoro che investono è rappresentato dalle esperienze ed abilità accumulate negli anni, e dal network relazionale che sono riusciti a “tessere”.

A muovere gli investitori informali non è soltanto un margine di profitto che si prospetta interessante, ma anche e soprattutto il fatto di condividere l’idea da cui ha preso vita la startup. Un “matrimonio progettuale”, questo, che scaturisce da una vision comune, in cui il business angel si identifica; un’operazione, peraltro, conveniente anche dal punto di vista economico per gli startupper, in quanto è, sostanzialmente, a costo zero.

Scarica il nostro e-book gratuito

Gli investitori informali devono essere multitasking

Business_AngelsOltre a investire una quota di risorse finanziarie, e quindi assumersi un certo margine di rischio, possono infatti intervenire anche in veste di mentor (guardian angels). Accompagnano quindi gli startupper in ciascuno stadio di attuazione del progetto (costruzione di un team ad hoc, stesura del business model…).

Insomma, come rilevato efficacemente da Marco Bicocchi Pichi (presidente dell’associazione Italia Startup e Business Angel Italiano del 2014), gli investitori informali sono per molti versi vicini alla figura dell’allenatore.

Cosa differenzia business angels e venture capital?

Business_AngelsTanto per cominciare, i primi mettono in campo i propri soldi, mentre i secondi operano attraverso capitali affidati da terzi, e per questa attività ricevono un compenso.

Inoltre, mentre gli investitori informali entrano in gioco nella maggior parte dei casi già quando l’idea su cui la startup si fonda è in fase embrionale, i secondi intervengono successivamente.

I business angels, inoltre, investono, orientativamente, fino a 500mila euro nella startup, che, in genere, affiancano per i primi 10 anni di vita. I venture capital muovono importi anche superiori e operano mediamente per 4-5 anni. I primi, peraltro, prediligono settori quali quello delle energie rinnovabili, mentre i secondi si concentrano su aree ad alto tasso d’innovazione.

Dove incontrare un business angel?

Business_AngelsLa parola d’ordine è, ancora una volta, networking. Occasioni fertili di contatti utili possono essere i contest dedicati alle startup, come pure il confronto con imprenditori che hanno già usufruito del supporto degli investitori informali, e che quindi possono svolgere il ruolo di “anello di congiunzione”. È importante inoltre tenere d’occhio le organizzazioni che raggruppano i business angels dislocati su territorio nazionale o in ambito locale.

Ecco la mappa completa dei Business Angels in Italia 

 
 
 
 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi