Birra, le confezioni commestibili che salvano il mare

Pensate se qualcuno, inspiegabilmente, entrasse in casa vostra e cominciasse a riempirla di rifiuti tossici.
 
Ma soprattutto, voi non poteste fare nulla per impedirlo. Se foste un pesce o una tartaruga, o qualsiasi altra creatura marina, è esattamente ciò che vi starebbe accadendo. In questo caso però "i cattivi" siamo noi che, inspiegabilmente, continuiamo a gettare plastica in mari e oceani.  
 
«Le statistiche rivelano che nel mondo circa un milione di uccelli marini e 100mila mammiferi e tartarughe marine rimangono intrappolati nella plastica o la ingeriscono e muoiono» conferma Mark Tukulka, biologo marino.
 
C’è però chi lavora per noi e la nostra noncuranza. 
 
 
Imballaggio commestibile
L’idea viene dalla Saltwater Brewery , ditta statunitense produttrice di birra artigianale.  Grazie ai sottoprodotti ricavati dal processo di produzione della birra quali orzo e grano, si possono ricavare anelli commestibili. Uno snack totalmente biodegradabile e digeribile così da non attentare alla vita delle specie marine.
 
 
Il primo lotto di anelli è stato testato ad Aprile e sembra essere resistente quanto la plastica tradizionale. «Vogliamo influenzare i grandi produttori e convincerli a unirsi a questa impresa». Dal momento che la confezione non si è diffusa, il prezzo è ancora alto. «Se la maggioranza dei produttori  di birra adottasse questa tecnologia, il costo di produzione diventerebbe competitivo».
 
Certo, l’impatto del prodotto potrebbe essere significativo, ma non basterebbe a risolvere il problema. Quindi sforziamoci di gettare i nostri rifiuti nei cestini, perché il mare è un dono che ci è stato fatto. E dobbiamo averne cura. 
 
 
 
 
 
Gli effetti della plastica sulla fauna marina. Riflettiamoci...
 

Ti è piaciuto quest'articolo? Leggi anche:
 
Iscriviti al canale YouTube >>
 
loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi