Altro che Inside Out! Arrivano le app per gestire gli stati emotivi

Un giorno le macchine riusciranno a risolvere tutti i problemi, ma mai nessuna di esse potrà porne uno.
  (Albert Einstein).

io-robotIl cinema pullula di film distopici sulla tecnologia che prende il sopravvento sull’essere umano. E quanto ci siamo spaventanti guadando "Io, Robot", "Blade Runner" o "Matrix"!

Onestamente ne ho visti talmente tanti da piccola che quando venenro messi sul mercato giochi come “Emilio è meglio” o “2xL”, li osservavo sempre con sospetto temendo. Temevo che a un certo punto avrebbero sequestrato i miei genitori!

In ogni caso, che venga considerata buona o cattiva, è indubbio che la tecnologia sia comunque molto utile. Ormai non riusciamo neanche più a immaginare la nostra vita senza Internet e smartphone.

Come facevano i nostri padri, in macchina, a trovare questo o quell’indirizzo, senza navigatore??? (non so a voi, a me è capitato di perdermi ANCHE con il navigatore).

Un caffè con la mia app

inside outMa per quanto abbiamo bisogno della tecnologia per realizzare capolavori culinari, leggere recensioni prima di cenare fuori, prenotare voli online e perfino trovare l’amore, le ultime innovazioni in campo di app (perché diavolo non è venuto in mente a me??) riguardano… la gestione delle emozioni!

loading...

No, non siamo in “The giver, il mondo di Jonas” (per chi non avesse la minima idea di cosa sto dicendo, il film in cui un adolescente vive in un mondo privo di colori e emozioni). E, che ci crediate o no, alcune piattaforme possono davvero darci una mano. Un esempio?

Leggi anche: Calm, l'app che vi insegna a meditare ( e cura l'effetto Trump)

 Headspace

headspace4Un’app che definirei il personal trainer per la cura della mente. È una guida in caso di stress, aiuta con esercizi di mindfulness e meditazione e fornisce anche consigli (non consigli tipo “come superare un colloquio o un esame senza studiare”. Quelli si chiamano miracoli o botte di c….o).

 Se invece state attraversando quel brutto periodo della vita in cui avete un adolescente in casa che sbatte continuamente porte, non si lava e vive in camera sua, o peggio, siete voi stessi quell’adolescente, allora vi farà piacere sapere che esiste un’app proprio per gestire gli stati (lunatici) dei giovanissimi.

Realizzata su proposta dell’assessore alle Politiche giovanili,  Loredana Panariti, l’app si occuperà di riconoscere gli stati emotivi e fornire strategie per far fronte al disagio tipico dei giovani adolescenti!

Leggi anche: Colloquio di lavoro? Ci pensa Vera robot

Alyx

alyxNaturalmente tali piattaforme sono una svolta specie nei casi in cui può essere davvero problematico gestire, comprendere e sviluppare le facoltà emotive. No, non parlo del vostro ex ragazzo/a ma di individui che soffrono di autismo.

Nasce in Scozia, a opera di ricercatori della Heriot-Watt University, Alyx! Si tratta di un robot e ha lo scopo di insegnare a riconoscere le emozioni, e capire gli stati emotivi altrui, questione inaccessibile alle persone affette da autismo.

Alyx ha il volto umanoide e può decodificare i segnali del volto.  So cosa state pensando. Già viviamo in un momento in cui siamo costantemente incollati agli smartphone, iper-dipendenti tanto da sviluppare patologie nuove di zecca (nomofobia paura di non avere con sé il telefono e vamping usare i social fino a non dormirci la notte), ma come per ogni cosa, sta a voi decidere l’uso che ne volete fare!

 

 

di Sara Salini

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi

Contattaci