Aggiungi valore alla natura ☢

GreenApes, la nuova App per vivere sostenibile... a 360 gradi!

GreenApes, il verde a 360 gradi

greenapes2L’altro giorno, facendo alcune ricerche sul mondo dell’ecologia applicato alle ultime trovate tecnologiche, mi si è aperto un mondo.

Sarà che ormai il vivere Green è diventato una moda, sarà che la cultura e la sensibilità legata al mondo sostenibile si sta diffondendo sempre più.

Un fatto è certo: le green apps, ovvero le applicazioni per smartphone ideate per ridurre gli sprechi e ottimizzare le risorse sono sempre più numerose e innovative.

Fra le numerose ormai in circolazione, una mi ha colpito in particolare: si chiama GreenApes, che letteralmente significa “scimmioni verdi” ed è un'app ideata per vivere in maniera sostenibile a 360 gradi.

Come funziona GreenApes

greenapes21La piattaforma ci fornisce una “mappa” logistica per compiere attività sostenibili e vivere a basso impatto ambientale mostrandoci luoghi e soluzioni a noi vicine, proprio come una sorta di Tripadvisor.

Ma quante sono queste attività? Tante, ma presto saranno ancora di più.

Se finora di parlava principalmente di acquisto di prodotti biologici o vestiti di seconda mano e della possibilità di spostarsi in car sharing o con i mezzi pubblici, presto, molto presto, gli utenti potranno aggiungere  altre e lasciare la loro recensione.

Essere green ti premia

greenapes6Un filosofia interessante, che ha fatto sì che la start up italiana vincesse un Bando Europeo per sviluppare ulteriormente la App. GreenApes ha inoltre stretto accordi con diverse città europee (la prima è Firenze) in modo da costruire un network di negozi che metteranno a disposizione sconti e offerte agli “scimmioni verdi” più attivi.

Ma non finisce qua: tutti noi sappiamo che un'app vincente, deve anche essere “attraente” cioè regalare o offrire qualcosa.

GreenApes darà ai suoi utenti diversi vantaggi: permetterà ai suoi utenti di entrare in una community per “salvare il pianeta” (elemento che favorirà le interazioni sociali) e in più, metterà in ballo dei piccoli premi: postando comportamenti sostenibili, l’utente riceverà premi come sconti su attività eco-sostenibilii ( negozi di vestiti, cosmetici biologici) in base ai like, ai commenti e ai retweet ricevuti.

Non male, vero?

Insomma, devo riconoscere che dal primo istante questi “scimmioni verdi” mi sono stati simpatici!

magda mangano

 

di Magda Mangano

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

Continua...

WaIoT, ecco come controllare il consumo idrico anche quando non sei in casa

Case intelligenti

robot cuocoDispositivi che gestiscono il riscaldamento, assistenti virtuali che ti informano sull’agenda settimanale, vasi che crescono le piante in autonomia.

Non mi stupirebbe se a breve costruissero robot che cucinano (ah, già esistono), scelgono per noi l’outfit giornaliero, ci pettinano o ci lavano i denti.

Tuttavia anche se alcuni dispositivi che rientrano nel campo della Smart Home possono inquietare (oscuro presagio sul genere le macchine ci sovrasteranno) risultano estremamente utili quando la nostra memoria fa cilecca o sorge un problema casalingo per cui non riusciamo a essere fisicamente sul posto.

Leggi anche: Aguawell, risparmiare anche sotto la doccia

Ultimamente infatti molti devices sono finalizzati al risparmio sui consumi, consentendo di salvare il portafogli o evitando spiacevoli sorprese nel caso ci fossimo dimenticati gas o acqua aperti.

Tantissime startup cercano infatti di trovare spazio nel campo della domotica, per rendere la nostra casa sempre più intelligente e tecnologica.

E-labor@ è certamente una di queste; nata a Taranto, nel cuore della Puglia, si è sempre occupata di analisi dei dati, sviluppo software e home automation design.

Il loro ultimo progetto si chiama WaIoT, dispositivo per la gestione intelligente dell’erogazione idrica in appartamento.

Cos’è e come funziona WaIoT

 waiotWaIoT offre un sistema di automazione per la prevenzione dei danni derivati da allagamenti in ambienti domestici e in ufficio.

Inoltre offre un modulo di accertamento dati, uno per la lettura del flusso idrico e due prese intelligenti che permettono di monitorare se un elettrodomestico stia facendo o meno uso di acqua.

Se si generano situazioni quali elettrodomestici spenti e consumo anomalo di acqua, WaIoT procede a chiuderla per prevenire i danni. L’algoritmo che lo guida infatti è intelligente e impara nel tempo i comportamenti dei suoi proprietari.  

Il dispositivo è completamente controllabile grazie all’app, in ogni luogo e in qualsiasi momento. Il sistema è in linea con quasi tutti gli impianti, le marche e i tipi di contatori dell’acqua.

Leggi anche: Warka water, l'invenzione italiana che trasforma l'umidità in acqua

Si può inoltre scegliere tra diverse configurazioni, optando per controllare il flusso fino a monitorare l’assorbimento energetico degli elettrodomestici.

È possibile installare WaIoT nell’abitazione collegando il modulo FlowStop alla linea idraulica a valle del contatore principale e l’hub WaIoT al router internet.

Un grande aiuto per il risparmio

acqua5WaIoT lavora per te, è sempre connesso a Internet e impara a conoscerti, adattandosi alle tue abitudini per assicurarti sempre la massima sicurezza.

Se non sa come comportarsi contatta direttamente sull’app e fa qualche semplice domanda per capire l’organizzazione e capire che decisione deve prendere in determinate condizioni.

Un valido aiuto tecnologico per gli smemorati e chi vuole fare consumo intelligente.

Sbalorditivo? Sì. Utile? Sicuramente.

irenecaltabiano

 

di Irene Caltabiano

 

 

 


 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

Continua...

Copenaghen, ecco perchè è la meta giusta per un nuovo inizio

Come in una favola

copenaghenChi di voi è stato a Copenaghen, la città europea che il Best in Travel 2019 ha inserito nella top ten delle città europee da visitare?

Simbolo per eccellenza dell’avanguardia e nota per le incredibili credenziali in ambito di sostenibilità, è ormai meta prescelta per molti turisti.

E, per chi non ha avuto il piacere, almeno una volta ci avrà fatto un pensierino. Come Agnese, che ha trasformato la sua curiosità in una permanenza di tre anni!

«L’aspetto migliore è che questa città ti offre tutti i servizi e le opportunità della capitale europea pur essendo piccola, in un’ora in bicicletta puoi attraversala da nord a sud. L’aspetto peggiore è il meteo, non perché sia troppo freddo, ma per l’assenza di sole e di luce» ci racconta Agnese.

Leggi anche: Danimarca, meta molto ambita dagli italiani all'estero

Ma cos’altro rende questa capitale europea unica nel suo genere?

sirenettaInnanzitutto, la modernità: palazzi storici, chiese e vecchi magazzini si intersecano ad audaci architetture contemporanee all’interno di una città in continuo fermento, abbellita da un eccellente sviluppo alberghiero e dal completamento della linea metropolitana Cityringen, che tra qualche mese sarà pronta a rendere ancora più facile la mobilità.

Ma non finisce qui: girando per le vie della città si avverte una sensazione di benessere per il profondo legame che il luogo ha con la natura.

E non parliamo solo della miriade di tulipani che abbelliscono le vie della città quanto di un vero e proprio stile di vita green: lo sapevate che gli abitanti di Copenaghen pedalano ogni giorno l’equivalente di 35 giri intorno al mondo?

Ma la sua innovazione non si arresta qui: presto questa perla del Nord sarà al centro di una vera e propria rivoluzione verde. Nel 2017, nell’atmosfera sono state riversate oltre 36mila tonnellate di CO2 al livello globale.

L’anidride carbonica è la “regina” delle emissioni di gas serra, con il 65 per cento del totale.  Seguendo un piano ambizioso partito già nel 2009, Copenaghen sarà la prima città a emissioni di CO2 neutrali.

Leggi anche: Tiger, il segreto è tornare bambini

Un progetto lungimirante

copenaghen4Un obiettivo importante, per cui l’amministrazione ha iniziato a lavorare su differenti ambiti (trasporti, energia ed edilizia) con un progetto a lungo termine appoggiato da tutte le parti politiche che hanno governato la città negli ultimi anni.

Ad esempio, si prevede che nel 2025 la produzione di elettricità, di calore per il riscaldamento e il raffreddamento sarà prodotta a partire dal vento, dalla biomassa, dalla geotermia e dall’incenerimento dei rifiuti.

Un obiettivo importante, che fa onore a una delle città più belle e sane d’Europa che però non dimentica le sue responsabilità in fatto di clima e sostenibilità.

È proprio il caso di dire che la città verde è alla guida di una rivoluzione verde!

magda mangano

 

di Magda Mangano

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

Continua...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi

Contattaci