Fondi sbloccati in 48 ore Image Banner 728 x 90

Risorse

Crowdfunding: le migliori piattaforme per startupper

Si fa presto a dire startup

CrowdfundingTuttavia, si sa che per fare l’albero ci vuole un seme. Dunque se mancano o scarseggiano le risorse economiche, per quanto un’idea possa essere innovativa, potenzialmente redditizia e, sulla carta, foriera di effetti positivi, questa risulta fine a sé stessa. Una sorta di promessa non mantenuta.

La buona notizia, però, è che gli aspiranti imprenditori hanno oggi a disposizione una pluralità di canali, per raccogliere l’importo necessario ad avviare l’attività. (Ne abbiamo già parlato qui). Il ricorso a uno non esclude gli altri; tendenzialmente, l’ideale sarebbe “dosarli” in rapporto alle caratteristiche peculiari della startup e alle sue esigenze.

Insomma, gli startupper hanno solo l’imbarazzo della scelta.

Chi sceglie di avvalersi del crowdfunding, ad esempio, ha a disposizione molteplici portali ad hoc. Abbiamo provato a offrirne una rassegna sintetica, ma capace di rappresentare uno sguardo d’insieme.
 

Indubbiamente su base mondiale Kickstarter è leader di settore. Il principio su cui si fonda è l’ibridazione tra il modello donation e quello reward. I contributori possono ricevere una contropartita, in corrispondenza di importi prefissati, o limitarsi a una donazione libera. La piattaforma non ammette il ricorso all’equity crowdfunding.

Piattaforme crowdfundingEppela coniuga il metodo reward based con il crowdfunding civico, a cui sono legate collaborazioni quali quella con il Comune di Milano. Il portale offre la possibilità di usufruire di campagne fifty – fifty, caratterizzate dal fatto che importanti aziende contribuiscono alla raccolta fondi in qualità di mentor, se il progetto consegue almeno il 50% del finanziamento inizialmente stabilito.

Le campagne si connotano per l’estrema eterogeneità: spaziano infatti dalla riqualificazione di poli culturali d’interesse nazionale al recupero e re-inserimento professionale di categorie quali quella dei detenuti. A oggi attraverso Eppela sono stati finanziati più di 4.000 progetti (circa il 65% di quelli pubblicati), e i fondi raccolti tramite mentor hanno superato i 3.500.000 euro.

Anche Ulule, che è nata in Francia otto anni fa, si fonda sul principio delle ricompense. Film nati da web-serie, orti accessibili ai diversamente abili e giochi di carte fantasy ambientati in epoca medioevale. Ce n’è per tutti i gusti. Finora sono stati realizzati più di 10mila progetti pubblicati sul portale, e i finanziamenti raccolti hanno raggiunto 50milioni di euro.

Indiegogo adotta un modello di crowdfunding ibrido (reward e donation) che non esclude comunque il ricorso all’equity, grazie alla partnership con MicroVentures.

La piattaforma CrowdFundMe, dedicata all’equity crowdfunding, si rivolge in modo specifico alle neonate imprese innovative, e si avvale della collaborazione di Polihub e WebSim. Gli aspiranti startupper, in questo caso, affrontano due step di selezione, prima di vedere il progetto pubblicato. In una prima fase viene valutato il business plan, e, se il verdetto è positivo, si procede all’esame del mercato di riferimento.

Piattaforme crowdfundingDe Rev ospita una vasta gamma di campagne, ideate da startup ma non solo. Spaziando tra progetti culturali, cittadinanza attiva e no profit il portale ha raccolto, dal 2013, anno della sua fondazione, più di 3 milioni di finanziamenti.

Il Parlamento Europeo e Microsoft hanno conferito a De Rev il titolo di Digital Democracy Leaders.

PlanBee si occupa di raccolta fondi nell’ambito del green e della cittadinanza attiva. “Figlia” di un’altra startup Treedom, dedicata alla compensazione ambientale e alla messa a dimora di piante in aree verdi, la piattaforma trae ispirazione dalle api e mira a far nascere a nuova vita i luoghi della collettività.

Una seconda possibilità, un PlanBee, non si nega a nessuno. Men che meno agli spazi fondamentali per agire la socialità, fondamentali alla costruzione dello spirito identitario della comunità.

Il portale WoopFood è invece specializzato nella promozione di campagne connesse alle eccellenze agroalimentari nostrane. La sua mission è contribuire non solo alla sopravvivenza, ma anche alla costruzione e al consolidamento del successo dei prodotti certificati, di alta qualità e “figli” della tradizione.

(La seconda parte dell’articolo sarà pubblicata nei prossimi giorni)

 
francesca garrisi
 
 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

Continua...

Equity crowdfunding: come investire puntando sulla startup vincente

Ogni singola goccia è fondamentale, per dare vita al mare, e questo principio si mantiene valido anche nella quotidianità

StartupTutti i giovani sognano (o almeno dovrebbero farlo), ma non tutti dispongono delle risorse necessarie a concretizzare i propri progetti, né hanno le “spalle coperte” e un “paracadute” disponibile sotto forma di portafoglio di papà.

L’avvento della rete ha dato un sostanzioso contributo in termini di democratizzazione delle opportunità, come dimostrano iniziative quali il crowdfunding, la raccolta fondi dal basso finalizzata alla realizzazione di un progetto. 

Sempre più spesso questo metodo di finanziamento viene utilizzato anche dagli startupper. Le declinazioni possibili sono molteplici, e, negli ultimi tempi, un peso crescente ha assunto l’equity crowdfunding, che consente agli aspiranti contributori di partecipare sotto forma di investitori, ovvero acquistando uno o più titoli societari.

 

Qual è il quadro normativo di riferimento?

StartupA tratteggiare opportunità e limiti relativi all’equity crowdfunding è intervenuto, in una prima fase, il D.L. n.179/2012 (articolo 30). La misura di legge aveva circoscritto l’utilizzo di tale strumento alle startup innovative.

Nel 2015 è poi subentrato l’Investment Compact (D.L. n.3), che ha esteso alle PMI innovative, ai soggetti deputati all’investimento collettivo del risparmio e alla società di capitali focalizzate su startup e piccole e medie imprese, la possibilità di ricorrere all’equity crowdfunding. 

Così, il regolamento di attuazione targato Consob (Delibera n. 18592 del 26 giugno 2013) è stato modificato dalla Delibera n.19520 del 24 febbraio 2016.

Come si è tradotta, in concreto, la variazione degli elementi normativi di riferimento? L’intento di fondo è stato quello di ampliare il target di potenziali investitori facilitando il contatto con le startup.

L’equity crowdfunding viene effettuato tramite portali web autorizzati dalla Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, e registrati nell’apposito elenco tenuto da quest’ultima.

Cosa è cambiato per le startup?

StartupIn fase iniziale gli istituti di credito erano tenuti ad accertarsi che l’ipotetico investimento fosse commisurato alle nozioni e all’esperienza dell’aspirante finanziatore; a seguito della riforma andata a regime nel 2016, invece, il compito è stato trasferito alle piattaforme web.

Dunque, se l’investitore è un privato, nel caso in cui il singolo ordine ammonti a 500 euro, o il cumulo delle transazioni annuali a 1.000 euro, il portale non deve indirizzarlo agli intermediari finanziari per la compilazione del questionario MiFID (Markets in Financial Instruments Directive).

Il tetto massimo è invece di 5.000 euro per il singolo ordine e 10.000 per quelli su base annuale, se l’investitore è una persona giuridica.

Un settore in crescita

L’attività di equity crowdfunding ha preso quota nel corso dello scorso anno. Il 2017 si è infatti concluso con un incremento del 123%; sono bastati sei mesi per raggiungere i volumi dell’intero 2016.

In tre anni il settore ha raggiunto un valore di circa 13 milioni di euro, consentendo di finanziare più di 50 aziende. Insomma, considerando l’iniziale svantaggio dell’Italia rispetto ad altri Paesi, si può considerare ottimisticamente il quadro, nel suo complesso.

L’arco degli startupper si arricchisce quindi di un’ulteriore freccia.

 
 
francesca garrisi
 
 

 
 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

Continua...

Il tuo progetto ha una marcia in più? Così il web ti aiuta a finanziarlo

L’innovazione è il sale dell’economia

StartupIn un’epoca come quella attuale in cui il digitale ha pervaso i più disparati settori, modificando profondamente – e a volte addirittura condizionando – pressoché ogni attività. 

Così, utilizzare termini quali tecnologia e tecnologico è diventato un must, per accreditarsi agli occhi di potenziali partner commerciali e clienti.

Ben presto però, è risultato chiaro ai più che il mero richiamo a questi concetti non rappresentava altro che una sorta di specchietto per le allodole. In tal senso, l’introduzione del termine startup e la progressiva definizione del suo campo semantico ha aiutato a far chiarezza.

Leggi anche Botteghe Digitali: il racconto è il miglior social per esportare le eccellenze italiane

Cosa distingue una startup da un “banale” business?

CrowdfundingIntendiamoci: sicuramente anche questa parola ha rischiato una sorta di logoramento, in quanto nel recente passato se n’è spesso fatto un uso indiscriminato, ma l’accezione tratteggiata da Steve Blank, imprenditore della Silicon Valley nonché accademico, aiuta a sgomberare il campo da dubbi ed equivoci di sorta.

La startup è un’entità a carattere temporaneo finalizzata a conseguire un profitto occupandosi di innovazione

Il suo percorso è scandito da un numero variabile di sperimentazioni e tentativi, necessari a individuare il modello di business più efficace.

 

Scalabilità e ripetibilità sono le parole d’ordine della vera startup. 

Dunque, il mercato di riferimento deve essere sufficientemente vasto da offrire consistenti margini di sviluppo, e i processi adottati facilmente replicabili.

Leggi anche  Wall Street è il passato. Il mio presente e futuro sono i malati di cancro 

Chi fornisce la “benzina” necessaria alla tua startup?

Qualunque idea, per quanto originale e teoricamente pregna di ricadute positive sulla collettività, finisce per essere sterile, se mancano le risorse necessarie a vederla concretizzata. Un progetto si può considerare vivo e vitale solo se ha “gambe robuste” per camminare.

Nel caso specifico, per alimentare la scintilla che ha originato la startup, servono risorse monetarie, e queste possono essere raccolte attraverso tre canali, a ciascuno dei quali dedicheremo un approfondimento ad hoc:

-       crowdfunding (letteralmente: raccolta fondi dal basso)

-       business angels (investitori informali)

-       venture capital (forme d’investimento connotate da un alto margine di rischio).

Crowdfunding: people have the power

CrowdfundingÈ un metodo, questo, che dimostra quanta verità c’è nel detto “l’unione fa la forza”. Il crowdfunding è infatti un processo finalizzato al raggiungimento di un dato budget attraverso le donazioni effettuate dai singoli.

Tale canale si rivela tanto più efficace e incisivo quanto maggiore è il numero di persone coinvolte. La spinta propulsiva decisiva è spesso determinata dal passaparola.

Le campagne di crowfunding, veicolate da specifiche piattaforme web, possono essere di cinque tipi:

-       donation - based: questa è la prima formula introdotta, caratterizzata dal fatto che il crowdfunder non riceve alcuna contropartita per il contributo economico offerto;

-       reward - based: a oggi rappresenta la variante maggiormente utilizzata; quelli che partecipano alla raccolta fondi ottengono una ricompensa (non monetaria);

-       lending - based: anche noto come social lending o P2P lending, costituisce il prestito di denaro tra privati; a renderlo appetibile è la possibilità di ricevere un finanziamento spuntando tassi più vantaggiosi di quelli fissati dalle banche;

-       royalty - based: la contropartita alla donazione è rappresentata dalla partecipazione alla suddivisione dei profitti;

-       equity: chi sottoscrive la raccolta fondi riceve una quota della startup, e così ne diventa, sostanzialmente, socio;

-       ibrido: è caratterizzato dal connubio tra due o più di queste formule.

È un settore, quello della raccolta fondi dal basso, che ancora in molti Paesi non è regolamentato attraverso apposita disciplina. Ciò è invece avvenuto in Italia, prima in Europa.

Il codice, incentrato sull’equity crowdfunding, è stato emanato da Consob (Commissione Nazionale per le Società e la Borsa), e la prima versione risale al 2013. 

Importanti modifiche sono state apportate dapprima nel febbraio 2016, e, successivamente,  nella seconda parte del 2017. 

 
francesca garrisi
 

 
 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

Continua...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi

Contattaci