Un consumatore informato decreta anche il successo delle aziende. Parola di GS1 Italy

I gesti che scandiscono il quotidiano sono solo apparentemente banali

In realtà parlano di noi, e dicono moltissimo. Indicano con chiarezza cosa ci piace e cosa no, descrivono il nostro carattere, e, a uno sguardo d’insieme, suggeriscono quali sono gli obiettivi che ci prefissiamo.

SpesaFare la spesa è una delle azioni che compiamo più spesso. Talvolta il nostro approccio è assolutamente meccanico e inconsapevole. Così, ci facciamo condurre, per inerzia, dalla forza dell’abitudine. Eppure, il semplice gesto di acquistare qualcosa innesca una serie di conseguenze, sia nel nostro microcosmo, che “nell’ecosistema” in cui opera l’azienda produttrice. I due rappresentano infatti i poli di una pila: solo se collocati nella posizione corretta possono essere efficaci e incisivi.

Leggi anche 

Osservatorio Immagino: come “fotografare” i consumi degli italiani attraverso le etichette dei prodotti

 
Maggiori informazioni http://www.formicargentina.it/home/newscbm_975158/6/

Ciò rende necessario l’intervento di un soggetto terzo, una sorta di ponte, capace di far dialogare imprese e consumatori ottimizzando le risorse (umane e materiali) esistenti. GS1 Italy è un’associazione senza scopo di lucro che può essere annoverata tra questi mediatori.

“Apparteniamo a un consorzio presente in 112 Paesi. Siamo quelli del codice a barre, strumento utilizzato in 150 nazioni e che unisce un milione e mezzo di imprese. Questo è stato ideato 40 anni fa per risolvere il problema delle code alle casse, evitare le inefficienze e attivare processi di ricerca di mercato decodificando le richieste dei consumatori”. Così Marco Cuppini, research and communication director di GS1 Italy.

Digitalizzare i prodotti per favorire l’incontro tra domanda e offerta

GS1 ItalyNegli anni scorsi l’associazione ha lanciato Immagino, servizio finalizzato a rendere disponibili sui supporti tecnologici foto ad alta risoluzione delle merci, come pure tutte le informazioni obbligatorie per legge. Così, si è inserita nel solco tracciato dal Regolamento UE 1169.

GS1 Italy ha assunto un ruolo cruciale nel processo di comunicazione online e offline dei brand, aiutando i consumatori a essere maggiormente consapevoli di ciò che mettono nel carrello. A oggi sono circa 1300 le aziende che hanno aderito al servizio, per un totale di 83mila prodotti monitorati e 600mila immagini prodotte.

 

Come si informano i consumatori e quali sono i percorsi mentali che determinano gli acquisti?

GS1 ItalyI due quesiti rappresentano il fulcro del sesto volume della collana de I Quaderni di GS1 Italy pubblicato a giugno scorso. Questo lavoro, frutto di tre ricerche effettuate nel nostro Paese, costituisce uno strumento utile alle aziende della produzione e della distribuzione per ricostruire i meccanismi che regolano la domanda.

La prima delle tre ricerche, effettuata da ADM (Associazione Distribuzione Moderna) in collaborazione con GfK, ha evidenziato che per gli italiani fare la spesa significa essenzialmente raccogliere informazioni atte a valutare la qualità dei prodotti. Per circa la metà delle persone comprare equivale, in un certo senso, a staccare la spina e rilassarsi.

Il secondo studio, messo a punto da GfK su richiesta di GS1 Italy, ha dimostrato che, cercando informazioni a carattere alimentare, gli elementi su cui ci si focalizza maggiormente sono la gradevolezza, la positività e la costruttività del prodotto. Un approccio, questo, che mira a tutelare simultaneamente due dimensioni: quella della salute, e quella familiare.

Il principale luogo di raccolta delle informazioni sulle merci alimentari è il punto di vendita. Qui il consumatore reperisce i dati relativi a scadenza, prezzo, ingredienti, origine e modalità produttive.

Il sesto volume della collana de I Quaderni di GS1 Italy ha messo in luce che oggi, per affermarsi sul mercato, non basta comunicare con il potenziale acquirente. Bisogna farlo in modo approfondito e adeguato. Non è più sufficiente informare: il vero salto di qualità sta nell’interagire in modo appropriato. Insomma, le aspettative dei consumatori in merito a brand ed etichette stanno crescendo. Così, davanti alle aziende di produzione e distribuzione si dischiude una grande opportunità, ovvero, fornire ai clienti anche un contesto in cui collocare i “brutali” dati. 

 Un acquisto consapevole è una vittoria per tutti. Appaga il consumatore e ottimizza il lavoro dell’azienda. Siamo pronti a utilizzare l’informazione come seme, e non come arma impropria?
 Francesca Garrisi
 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi