Leonardo di Caprio investe sul bio italiano

Dall’Italia all’America

Che Leonardo Di Caprio abbia sempre avuto un legame particolare con il Bel Paese è sempre stato intuibile dal nome.  Un nodo altrettanto forte però è la passione e la strenua lotta per preservare ambiente e natura. Una battaglia che lo ha portato a girare documentari come Before the flood sulle conseguenze del global warming o essere portavoce di importanti associazioni ambientaliste come Oceana o Rainforest network.

Hippeas, per un pugno di ceci

Rappresentanza ma non solo. I suoi innumerevoli interessi lo hanno spinto ad investire in una startup del food fondata da un compaesano. Si chiama Hippeas e porta la firma dell’imprenditore romano Livio Bisterzo. Di che si tratta? Un’attività che commercializza snack biologici a base di ceci, con due sedi: una a Londra, l’altra a Los Angeles. Di Caprio si è perciò unito al fondo Strand Equity Partners per sostenere la crescita della startup.

 

Il creatore  annuncia che il suo obiettivo con Hippeas è proprio cercare di cambiare l’industria alimentare promuovendo un business che abbia un impatto sociale e possa innescare innovazione culturale. Il sito invita non solo a comprare il prodotto ma anche a pensare e agire diversamente, compiendo scelte più consapevoli.

 La startup sostiene Farm Africa, ONG che incentiva l’imprenditoria degli agricoltori nell’Africa Sub Sahariana e promuove progetti di innovazione contro povertà e cambiamento climatico. In poco più di un anno il progetto è cresciuto tantissimo.

La startup ha infatti piazzato i propri prodotti in 20mila punti vendita negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, tra cui le catene Starbucks, Whole Foods e Waitrose.

Amore trasversale

Non è la prima volta che Di Caprio decide di investire in un progetto alimentare ed eco-sostenibile. La startup Love the wild , di cui Di Caprio è diventato azionista mesi fa, commercializza pesce surgelato e si distingue per l’alta trasparenza che ha nei confronti dei propri clienti.

La startup ha infatti condotto una campagna sui social media dove ha mostrato il proprio processo di produzione fase per fase. L’attore ha inoltre investito cinque milioni di dollari per Runa, la startup che produce thè energizzante  e del regalo delle azioni agli agricoltori della foresta amazzonica.

Un grande applauso a questo attore di talento così sensibile a cause di importanza mondiale. Speriamo che anche altri seguano il suo esempio. 

 

di Irene Caltabiano