INCI, non c'è trucco senza inganno

Creme per il viso, lozioni-corpo, fondotinta, rossetti. 
È sempre più difficile  capire quali cosmetici non sono dannosi per la nostra pelle. Soprattutto noi femminucce scegliamo con troppa noncuranza il trucco giornaliero, non considerando allergie e danni all'epidermide. Le etichette non sono di grande aiuto al consumatore, dal momento che naturale, green, ecologico sono termini spesso usati impropriamente. 
 
Anche i prodotti che contengono una dose minima di ingredienti atossici vengono etichettati come bio e toccasana per la pelle. L’INCI (Elenco Ingredienti Cosmetici) non sempre è di facile lettura e c’è anche da considerare che molti prodotti sono tollerati finchè non risultano dannosi. Basti pensare al Bisfenolo A, utilizzato per anni nella produzione di biberon ,ciucci  e altri prodotti per la prima infanzia. 
 
Gillian Deacon, nota presentatrice americana famosa per il suo impegno eco-friendly, ha elencato nel libro There’s Lead in Your Lipstick: Toxins in Our Everyday Body Care and How to Avoid Them  i venti prodotti più pericolosi presenti nei cosmetici.  Ecco come riconoscerli e evitarli.
 
Catrame di carbon fossile: noto carcinogeno vietato nell’Unione Europea, impiegato nei trattamenti antiforfora, prodotti anti-pidocchi e cura della pelle secca. 
 
Le Monoethanolamine (MEA), le Triethanolamine (TEA) e le Diethanolamine (DEA) sono sostanze potenzialmente cancerogene impiegate come emulsionanti e schiumogeni nei docciaschiuma, nei bagnoschiuma e negli shampoo;
 
Tensioattivi etossilati e l’1,4 diossano: quest’ultimo non viene nemmeno elencato nelle etichette perché sottoprodotto ricavato dall’aggiunta dell’ossido di etilene, ingrediente cancerogeno. Il composto viene impiegato per diminuire la durezza di altre sostanze chimiche, molto usato nei prodotti per l’igiene dei neonati.  Evitare dunque qualsiasi cosmetico che riporti sull’etichetta un ingrediente contenente la formula ETH;
 
Formaldeide:  sostanza fortemente irritante e potenzialmente cancerogena vietata nell’UE. Si trova in tinte per capelli, smalti e altri prodotti per unghie, ciglia finte e shampoo.
 
Profumo: spesso dietro questa dicitura si nascondono gli ftalati, sostanze irritanti che possono causare vertigini, mal di testa, asma e allergie. Questi elementi possono inoltre causare alterazioni di sistema endocrino, cancro e danni a polmoni, cuore, reni e fegato;
 
Idrochinone ( o chinolo): ingrediente tossico e cancerogeno utilizzato per schiarire la pelle. In Gran Bretagna è stato messo al bando per motivi di sicurezza;
 
Piombo: sostanza cancerogena contenuta in rossetti e tinture per capelli. Non viene elencata sulle etichette perché si tratta di un contaminante non di un ingrediente;
 
Mercurio: noto allergene che può compromettere lo sviluppo cerebrale. Si trova nei mascara e in alcuni colliri.
 
Olio minerale: sottoprodotto del petrolio, spesso impiegato nella produzione di gel, creme idratanti e lozioni per bambini. Appesantisce la pelle, creando un film opprimente sulla cute e impedendo all’epidermide di respirare ed espellere le tossine.
 
Parabeni: conservanti tossici utilizzati in moltissimi cosmetici che possono causare disfunzioni del sistema endocrino e cancro.
 
Estratto di placenta: impiegato in alcuni prodotti per la cura della pelle e dei capelli, può causare danni al sistema endocrino;
o Glicole polietilenico (PEG), sostanza utilizzata per favorire l’assorbimento e la penetrazione dei prodotti, spesso in combinazione con 1,4 diossano e ossido di etilene, due noti cancerogeni;
 
Emollienti siliconici: utilizzati per rendere morbidi e soffici i composti, non sono biodegradabili, soffocano la pelle e possono scatenare irritazione della cute e insorgere del cancro;
 
Laurilsolfato di sodio (SLS, SLES): sgrassatore un tempo impiegato in campo industriale, ora utilizzato per rendere schiumosi i saponi. La pelle lo assorbe molto velocemente, con il rischio di irritazioni;
 
Talco, simile nella composizione all’amianto, si trova in polvere in prodotti per bambini, ombretti, blush e deodoranti. Il talco è stato di recente collegato all’insorgenza di cancro alle ovaie e a disturbi respiratori.
 
Triclosano: sostanza cancerogena e tossica per il sistema endocrino, contenuta in molti disinfettanti per le mani, deodoranti e antibatterici.
 
Informazioni del genere vi fanno intuire quanti prodotti tossici spalmiamo quotidianamente sulla pelle. Niente paura. Oggi ci sono molte app che consentono con un click di capire quanto il prodotto che abbiamo in mano sia dannoso. Le più famose? Biotiful, Cosmetici e Inci Ok. Volete scoprire come funzionano? Alla prossima puntata…
 
Irene
 
Leggi anche:
 
Iscriviti al canale YouTube >>>
 

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi