Il potere eco delle case in bamboo

Siete a conoscenza delle virtù sfoderate dal flessibile prodotto nell’edilizia green?
Pensate: in alcuni Paesi si costruiscono vere e proprie case di bamboo. 
Si tratta di un legno non solo molto resistente, tanto da essere stato definito “acciaio vegetale”, ma soprattutto ecologico. 
Caratterizzato da proprietà antibatteriche, si dice che produca ossigeno durante la sua rapida crescita. In una giornata intera il fusto può elevarsi fino a 60 cm. 
Il bambù viene utilizzato per le pareti, così come per i pavimenti, nonché per produrre strutture di diverse dimensioni. 
Alcuni architetti più all'avanguardia, in questi ultimi anni, hanno iniziato a studiarlo sotto un altro punto di vista: e cioè lo stanno considerando come possibile, e soprattutto seria, alternativa al cemento e ai materiali tradizionali impiegati di solito per edificare. 
 
La prima cosa che viene da pensare, in modo errato, è che una casa in bambù non sia capace di sopportare le intemperie. Mai idea fu più sbagliata, perché essendo molto flessibile è in modo specifico indicato per le costruzioni antisismiche.
C'è anche da dire che questo legno è conveniente da punto di vista economico, dato che cresce molto velocemente. 
Se, comunque, nel nostro Paese questo viene visto ancora con forte sospetto, in altre zone, invece, sta diventando un materiale eco-sostenibile sempre più sfruttato. 
 
Realizzare strutture in bambù significa, in primis, rispettare l'ambiente. Utilizzarlo sempre di più nelle costruzioni equivale, tra le altre cose, al desiderio di lasciare un pianeta vivibile per le generazioni future. 
Attualmente è la Cina a possedere il primato di case fabbricate con tale materiale; mentre la Francia sta iniziando a riconoscerne forza e valore. 
 
A che punto è l'Italia?
Anche il nostro Paese è attento al bambù: si coltivano specie locali in regioni come la Liguria, la Sicilia e la Calabria. Anche se è da sottolineare che da noi i tempi di crescita sono più lunghi rispetto ai Paesi asiatici, a causa del clima.
Tra le domande più frequenti: quanto può durare una struttura edificata con esso? 
Anche dieci anni senza intervenire attraverso una manutenzione particolare.
Tra i pionieri del mercato di costruzioni in bambù ritroviamo l'architetto Simon Velez della Colombia, classe 1949. Quest'ultimo ha ideato come sua prima fortunata opera il "Cross Water Ecolodge": un bellissimo albergo situato a Guangzhou (Canton), che rappresenta la fusione perfetta tra la flessibile materia prima, il cemento e l’acqua.
 
 
di Mariagrazia Poggiagliolmi