Hai una mente statica o dinamica?

Intelligenti si nasce o si diventa?

La nostra mente ci condiziona la vita, dallo studio al lavoro, fino alle relazioni sociali. L’esistenza ci si presenta tutti i giorni in vari modi ed è la reazione agli eventi a stabilirne la qualità. Quante convinzioni abbiamo? Sono le persuasioni a causare numerosi malesseri. È sufficiente cambiarne solo una per commutare letteralmente la quotidianità.

Le convinzioni

La docente e psicologa Carol Dwenk nel corso della sua ricerca sulla mente ha scoperto che una delle nostre convinzioni più forti e disabilitanti è il grado in cui ci poniamo di fronte alle abilità. Ed ecco una nuova prospettiva: la mente può essere statica o dinamica.

Mentalità statica (“Più di tanto non posso fare”)

Chi ha questo tipo di mentalità è convinto che intelligenti si nasce, come fosse un dono ereditario. Come se avere successo fosse qualcosa che dipende dal fato. L’individuo con una mentalità statica giustifica i suoi fallimenti e li reprime.  

Mentalità dinamica (“Posso fare qualsiasi cosa”)

Al contrario, chi ha una mentalità dinamica, è consapevole che per arrivare ad un obbiettivo ci vuole forza di volontà e duro lavoro. Non si scoraggia mai e sa che può farcela. È in grado di accettare i fallimenti e li utilizza per migliorarsi, stimolato nel tentare nuove strade o strategie.

Che mentalità hai?

I nostri genitori hanno un impatto importante, soprattutto durante l’infanzia, e questo lo confermerebbe ogni psicologosulla terra. Quando nasciamo possediamo una mentalità dinamica, ovvero viviamo in maniera inconsapevole. Come spugne, assorbiamo tutto, cresciamo e apprendiamo ogni giorno.

 L’adolescenza ci porta ad un incontro-scontro con i genitori che ha notevole influenza sulla mentalità dell'adulto in potenza. Quindi in parte possiamo dire che il risultato dei nostri pensieri sia il frutto dell’insegnamento  familiare.

 Se si è convinti di avere una mentalità statica, schiava di strutture che non fanno stare sereni, non è tutta colpa di mamma e papà. Ognuno di noi crescendo è in grado di sviluppare la propria personalità, staccandosi dagli schemi che ci hanno inculcato. 

Responsabilità

Se ci sentiamo imprigionati in una vita stretta e ricca di fallimenti, prendiamone coscienza e alleniamo la nostra mente al cambiamento. Anzitutto, anche la mente più dinamica può vivere periodi di staticità. Viceversa una personalità meno elastica ha spazio per aprirsi al nuovo.

Impariamo a leggere di più, allarghiamo le nostre conoscenze. Intelligenti si diventa. Nella vita non esistono ostacoli insuperabili, ma solo prove da superare. Non problemi ma soluzioni. 

Lo sport può essere  un valido esempio se si vuole avere un approccio vincente. Il miglior giocatore di calcio del mondo: può sbagliare un rigore?  Sì, ma certamente non darà la colpa al meteo; fuori dal campo continuerà ad allenarsi affinché l’errore si ripeta sempre meno. Per cui imparate dai grandi campioni e leggete le biografie di chi ha avuto successo nella propria vita. 

Che sia un giocatore, un attore, poco importa: ognuno di loro si è ritrovato di fronte ad una marea di problemi ma ha saputo risolverli perché aveva un obbiettivo.

 E nelle relazioni?

L’amore non è bello se non è litigarello. Questo proverbio, rapportato ai rapporti amorosi, può essere utilizzato solo da chi possiede una mentalità dinamica. 

La persona statica tende a vedere il proprio partner come l’anima gemella ed ogni discussione come un fallimento. Ed ecco che torniamo alle convinzioni che condizionano la nostra vita. 

In coppia, come in ogni tipo di relazione, si possono riscontrare (ed è giusto che ci siano) ostacoli o problemi, per risolverli e far maturare il rapporto. Tutto può e deve essere plasmato con impegno e determinazione, perché migliorarsi più che un diritto è un dovere, uno speciale ringraziamento al dono della vita.

Intelligenti si nasce o si diventa? Cos’è l’intelligenza? Prendiamo in mano il dizionario e scopriamo che è la facoltà, propria della mente umana, di intendere, pensare, elaborare giudizi e soluzioni in base ai dati dell’esperienza anche solo intellettuale. Ecco fatto.

“La mente è tutto. Ciò che pensi, diventi”- Buddha.

 

di Luca Mordenti 

 
 
 

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi