Ecco il trucco per smascherare i falsi “amici”

Ieri era il mio compleanno. Qualche mese fa ho reso invisibile la mia data di nascita agli amici di Facebook. Ho voluto fare un esperimento sociale e verificare chi si sarebbe ricordato di farmi gli auguri senza il promemoria di faccialibro. Indovinate un po’: nessuno ha scritto sulla mia home page.

Neanche un gattino puccioso ad allietarmi la bacheca. Ho ricevuto gli auguri dal mio ragazzo, dai miei familiari, dai miei colleghi e dagli amici che frequento nella vita reale. Ho deciso di porre fine alla sceneggiata degli auguri social perché credo che sia meglio ricevere pochi auguri sentiti invece di una caterva di messaggi scritti per cortesia. In questo modo non devo neanche fare la fatica di ricambiare (malvolentieri) la gentilezza.

Prima di prendere questa decisione ricevevo gli auguri anche dalle ex compagne di scuola, anche da quelle che non mi sono MAI state simpatiche.

La frase tipica della iena di turno era questa: “Ciao cara! Ma da quant’è che non ci vediamo? Augurissimissimi”!

Ma come, al liceo non ci sopportavamo e ora addirittura mi chiami “cara”? Non ci vediamo da tanto tempo proprio perché NON siamo amiche. Siamo in contatto sui social perché, bando all’ipocrisia, vogliamo spiarci. Sono curiosa di vedere quanto è brutto il tuo nuovo ragazzo e di sapere se sei ingrassata.

Sarò cinica, ma è la verità.

E voi cosa ne pensate delle “amicizie” social? Ogni contatto è un vero amico oppure anche voi utilizzate Facebook per ficcanasare un po’ nella vita degli altri?

Vale

Leggi anche

Iscriviti alla nostra newsletter!