E’ più facile se il”Mentore” ti aiuta

Nasce, anche in Italia, la figura del “Mentore” 

per dare supporto ai giovani nell’inserimento nel mondo del lavoro

A volte, ai giovani, sembra di vivere un incubo nel quale vengono assaliti da mille dubbi: continuare a studiare oppure no? aspettare l’occasione giusta o cominciare a farsi le ossa? restare in Italia o partire? A chi rivolgersi per iniziare ad acquisire competenze ed esperienza?

Premesso che gli ultimi dati Istat confermano che un giovane su tre ha difficoltà ad inserirsi nel mondo del lavoro, a chi rivolgersi se non ad un Mentore?

Cosa è

Il termine Mentore deriva dalla mitologia: era colui che si occupava dell’educazione di Telemaco, figlio di Ulisse. L’anziano Mentore, infatti,divise con Telemaco tutta la sua sapienza.

Questa figura è molto diffusa nei paesi anglosassoni, in particolare negli Stati Uniti, ed è colui che fa da guida alle persone che crescono nel mondo del lavoro.

L’abbiamo importata

Stanchi delle drammatiche statistiche sulla disoccupazione giovanile  i ricercatori di Adapt, il centro studi Marco Biagi, hanno deciso di importare la figura del Mentore che, anche in Italia, seguirà i giovani in cerca di lavoro anche solo per le cose più semplici, come ad esempio scrivere un curriculum o gestire un colloquio di lavoro.

Nasce così in Italia il progetto Mentee, una piattaforma che mette in contatto i giovani disoccupati e i potenziali Mentor e cioè persone con un profilo professionale elevato come top manager ed imprenditori.

Basta iscriversi alla piattaforma

Se si desidera,infatti,entrare in contatto con un Mentore basta iscriversi alla piattaforma ed attendere di essere abbinati ad uno dei professionisti (o imprese) che abbia dato la disponibilità a fare da giuda.

Naturalmente chi da questo tipo di disponibilità  dovrà essere dotato di una grande attitudine a comunicare ai più giovani le proprie esperienze professionali ed a fare loro un buon orientamento.

Il Patto

Sulla base di un “Patto”, poi, le imprese e gli enti di formazione, come scuole ed Università  metteranno a disposizione tirocini e apprendistato per agevolare l'ingresso dei giovani nel mondo del lavoro.

Simona

leggi anche