Cinquanta sfumature arcobaleno

Cos’è la cromoterapia
 
I colori hanno effetto su mente e  corpo. È il concetto base di questa medicina alternativa, che viene classificata nell’ambito delle pseudo scienze.
Sembra che tale branca abbia radici nell’Ayurveda, disciplina indiana praticata da migliaia di anni. Radici storiche la legano anche alla cultura egizia. Durante il regno di Tutankamon esistevano infatti i solarium, giardini dotati di vetri colorati, nei quali i visitatori venivano inondati di luce variopinta che provocava effetti benefici.
 
Come funziona
 
Sembra che le gradazioni cromatiche provochino reazioni emotive nelle persone. Un metodo standard di diagnosi è utilizzare test di colori di Luscher, nel quale sono presenti sette tavole contenenti ventitré tonalità. Il paziente esprimerà preferenze e rifiuti in base all’umore. Una volta analizzati i risultati,  si deciderà che tipo di croma utilizzare, in differenti modalità e dosaggi a seconda del processo di guarigione ritenuto idoneo.
Strumenti comuni utilizzati per curare sono candele , prismi, tessuti, pietre, lenti o luci. Spesso si agisce in collaborazione con  aromaterapia e idroterapia, per ottimizzare  gli effetti del trattamento.
 
I chakra principali
 
I sette colori dello spettro corrispondono ai specifici centri di  energia spirituale coincidenti con diversi punti del corpo umano. 
 
1) Rosso:  si trova alla base della colonna vertebrale. È il colore di passione  e desiderio ma è anche legato a funzioni circolatorie. Può curare problemi di asma, anemia e mal di gola. 
 
2) Arancione: corrisponde alla metà inferiore del ventre. Ottimo nel trattamento di malattie mentali, depressione e pessimismo. É utilizzato  anche come cura di disturbi digestivi e perdita di appetito.
 
3) Giallo: chakra del plesso solare, è legato alla metà superiore del ventre. Viene impiegato per rafforzare sistema nervoso, curare malattie ghiandolari, fegato e disturbi linfatici .
 
4) Verde: colore associato all’armonia, si trova in zona pettorale. Ha un effetto calmante e si sfruttato per trattamento di tosse, infiammazione di articolazioni, infezioni bronchiali, gonfiore e disintossicazione.
 
5) Blu: favorisce il rilassamento e è posizionato alla base del collo. Viene spesso utilizzato per alleviare mal di testa, emicranie, raffreddore, crampi muscolari e disturbi epatici.
 
6) Indaco:  si trova al centro della fronte. Efficace nel trattamento di problemi mentali e patologie di orecchie, occhi e naso. Alcuni terapisti lo usano per controllare emorragie e ascessi.
 
7) Viola: presente sulla sommità del capo, viene adoperato per calmare sistema nervoso e rilassare muscoli. Spesso impiegato per trattare disturbi alla milza, urinari e psicosi.
 
La cromoterapia non è una scienza esatta, ma è vero che i colori influenzano ambiente e atteggiamento di chi ci sta attorno. Basta pensare a quando siamo verdi di bile o abbiamo avuto una giornata nera.
 
 
Leggi anche:
 
Iscriviti al canale youtube >>>