Amsterdam entra nel tunnel!

Se dico Amsterdam , la maggior parte degli italiani pensa a coffee shop e quartieri a luci rosse. 
Sarebbe a dir poco riduttivo identificare così la capitale olandese, che è stata spesso esempio di civiltà e eco-sostenibilità. La Bologna d’Europa è infatti famosa per le biciclette, mezzo caro alla maggior parte dei cittadini. 
 
Cosa fare per aiutare chi ha detto il suo no definitivo all’automobile? Un tunnel ciclopedonale nella stazione centrale, per arrivare più facilmente a treni, bus e traghetti. Prima infatti si poteva solo circumnavigare il luogo oppure accedervi a piedi.  Il sottopassaggio invece permette di attraversare in tranquillità e sicurezza l’area, facendo risparmiare tempo ai ciclisti. 
 
Il tunnel è lungo centodieci metri, largo dieci e altro tre. La pista, disponibile sia per le bici che per i pedoni, è costruita con asfalto fonoassorbente. Camminare senza clacson fastidiosi è rilassante e durante il percorso si possono ammirare disegni su maioliche, dalle tonalità rosse e blu, che regalano all’area un design semplice ma curato. 
 
L’illuminazione è naturale, ma c’è anche un supporto artificiale, utile in particolare quando fa buio. Sono presenti steward in grado di agire in caso di sovraffollamento degli spazi condivisi. Le bici devono infatti prestare attenzione ai pedoni, per questo sono stati creati piccoli dissuasori di velocità dove ci sono attraversamenti pedonali o ingresso in spazi condivisi.
 
Piccoli gioielli di civiltà da cui tutti dovremmo trarre esempio.
 
Irene
 
Leggi anche:
 
Iscriviti al canale YouTube >>>